Home
Notizie ed Attualità Calendario
Organizzazione
Prestazioni e servizi Moscacieca
Volontariato
Download
Altri siti utili




Notizie ed Attualità



SELODY: influenza del deficit visivo sulla vita e sulle relazioni di coppia

inserito il 21.02.2019

L’UCBC ha deciso di proporre uno studio nazionale sull’influenza e sulle ripercussioni del deficit visivo o della sordocecità sulla vita e sulle relazioni di coppia. Questo studio è stato denominato SELODY. Per maggiori dettagli vi invitiamo a proseguire la lettura del testo allestito dalla nostra operatrice tiflologica Silvia Ferrari, aprendo la news completa, oppure a consultare la pagina del progetto sul sito www.selody.ch:

Pagina in tedesco
Pagina in francese

L’UCBC ha deciso di proporre uno studio nazionale sull’influenza e sulle ripercussioni del deficit visivo o della sordocecità sulla vita e sulle relazioni di coppia.

Questo studio è stato denominato SELODY dall’acronimo inglese Sensory Loss in the Dyadic Context.

Nella maggior parte dei casi non si parla delle conseguenze che può avere un andicap visivo sulla relazione di coppia. In queste situazioni solitamente il partner porta moltissimo sostegno e questa è una risorsa importante, ma anche la persona con andicap visivo (o sordocecità) ha delle risorse fondamentali per la coppia. Per rafforzare la relazione di coppia bisogna conoscere le specificità che si manifestano quando uno dei due partner ha dei problemi di vista (o di vista e udito).

Lo studio si pone l’obiettivo di scoprire che cosa si può fare affinché una relazione sia duratura malgrado delle circostanze difficili, quali sono le difficoltà che una coppia deve superare quotidianamente e come possono essere affrontate o sono già state affrontate da altre coppie.

Il risultato di questo studio porterà a delle conclusioni e a dei consigli per una buona relazione, malgrado il problema visivo (o di sordocecità). Inoltre, potrà aiutare a conoscere le esperienze, positive e negative, di altre coppie, così da poter beneficiare delle esperienze altrui.

Riflettere su questo tema e conoscere le conseguenze dell’influenza dell’andicap visivo (o della sordocecità) sulla relazione di coppia può essere d’aiuto non solo alla coppia stessa, ma anche ai loro famigliari (figli, genitori, fratelli, …).

Per realizzare questo studio l’UCBC cerca circa 100 coppie in tutta la Svizzera da intervistare, dove uno dei due partner ha un andicap visivo (e 100 coppie dove uno dei due ha un problema di sordocecità). Inoltre verranno intervistate anche 100 coppie senza problemi sensoriali.

Possono partecipare le coppie con più di 20 anni d’età che vivono una relazione stabile da almeno un anno (senza necessariamente dover abitare assieme). Uno dei due partner deve avere un problema visivo (o di sordocecità) che provoca un impatto importante nella loro vita quotidiana. Il problema visivo (o visivo e uditivo), o un grave peggioramento, deve essersi manifestato durante la loro relazione. Anche le coppie omosessuali sono le benvenute.

Se tutte e due i partner hanno un problema sensoriale possono ugualmente iscriversi a questo studio.

Ci sono diverse modalità di partecipare all’intervista: si può scaricare il formulario e riempire le domande a mano, si può fare l’intervista per telefono e c’è anche la possibilità di compilare il formulario online (questo non è però disponibile in italiano). I due partner risponderanno individualmente quindi ognuno può scegliere il modo che preferisce.

Le interviste saranno due a testa: una nel 2019 e una nel 2020.

Le domande poste sono legate al modo di vivere insieme, di comunicare e alla soddisfazione all’interno della coppia. A questo si aggiungeranno naturalmente delle domande relative all’andicap visivo (o alla sordocecità) e le informazioni usuali personali. Spesso ci sarà una griglia predefinita per le risposte, con la possibilità di scelta fra “molto soddisfatto” e “totalmente insoddisfatto” così da velocizzare alcuni punti dell’intervista.

L’anonimato è garantito, anche lo stesso partner non sa cosa risponde l’altro, in quanto ciascuno risponderà separatamente alle domande.

Ci si può iscrivere compilando il formulario d’iscrizione che trovate sul sito www.selody.ch oppure contattando il vostro operatore di riferimento che ben volentieri vi aiuterà.